Parco nazionale delle Cévennes

Creato il 2 settembre 1970 e classificato Riserva della biosfera nel 1985, il Parco nazionale delle Cévennes è semplicemente eccezionale per l’equilibrio peculiare che si è instaurato tra gli esseri umani e una natura plasmata dalle generazioni successive sin dal Neolitico, ma anche per il suo approccio che unisce protezione e sviluppo. Il Parco è abitato persino nel suo “cuore”, area protetta e regolamentata per eccellenza. Costituisce inoltre il 70% dell’area detta “Causses et Cévennes”, classificata, nel 2001, dall’Unesco “Paesaggio culturale dell’agro-pastorizia mediterranea”.

Patrimonio

La biodiversità del Parco nazionale è molto ricca. Vi si contano 2 410 specie animali, tra le quali un 45% di vertebrati e i due terzi dei mammiferi di Francia, ivi comprese 20 specie di chirotteri. Il territorio accoglie inoltre numerose specie di rapaci a rischio di estinzione: aquile reali, bianconi, falchi pellegrini, gufi reali… Si tratta di un sito privilegiato per grifoni, avvoltoi monaci, capovaccai e gipeti. La flora locale è molto diversificata (11 000 specie, tra le quali 2 350 piante a fiori), con associazioni vegetali eccezionali ed endemiche, in particolar modo nelle torbiere dei monti Lozère e Aigoual o nella zona della pseudo-steppa delle Causses.

Il parco nazionale in poche parole

Parco nazionale delle Cévennes
6 bis place du Palais
48400 Florac
Tél. :+33(0)4 66 49 53 00

Visita il sito Internet www.cevennes-parcnational.fr

Chiffres clés

Data di creazione

2 settembre 1970

Ubicazione

Regioni Languedoc-Roussillon e Rhône-Alpes dipartimenti dell’ Ardèche (07), del Gard (30) e della Lozère (48).

Area del parco nazionale

93 500 ettari

Area di adesione

175 000 ettari